Multi Tabbed Widget

Overblog

domenica 5 maggio 2013

Pasticcini sucrée

Copiare a volte fa bene, sìsì.
All'umore e alle papille gustative ^.^
Chi ci segue su facebook sa che qualche settimana fa abbiamo scopiazzato a destra e a manca da alcuni blog che seguiamo con passione.
Piano piano vi posteremo le ricette rubate. Ora iniziamo con i pasticcini sucrée di Ornella.
Avevamo avuto la fortuna di assaggiarli e ci erano restati in testa, così vellutati da accarezzare il palato, così bianchi da essere eleganti.
Insomma amore a prima vista riconfermato dal primo morso :)
La ricetta originale la trovate QUI, sotto il nostro copia incolla con differenze così minime da essere insignificanti (es. lei dice preferibile il burro bavarese e noi vi mettiamo direttamente quello, ecco)
Se volete anche curiosare sull'origine della ricetta vi conviene correre da lei, se vi accontentate del nostro scopiazzo allora restate qui :)

Ingredienti
per la frolla
200 gr di farina 00
100 gr di fecola di patate
170 gr di burro morbido a pomata bavarese (a temperatura ambiente)
50 gr di zucchero a velo
1/2 fialetta di estratto di vaniglia
per la glassa al cioccolato
cioccolato fondente 70% circa una barretta
1 cucchiaino di burro freddo 


Preparazione

Impastare tutti gli ingredienti insieme, fare la classica palla, avvolgerla e metterla a risposare per un'ora (ma nella ricetta originale solo 30 minuti).
Preparare i pasticcini con la forma che più preferite; noi abbiamo fatto delle "polpettine" con una piccola fossetta centrale, ottima per accogliere la gocciona di glassa al cioccolato ;)
A questo punto metterli a riposare in frigo per altri 30 minuti e poi infornarli in forno preriscaldato a 160° per 15/20 minuti.
Ornella consiglia di lasciarli freddare per benino prima di toglierli dalla placca e in effetti va benissimo così.
Mettere il cioccolato spezzettato 40 secondi nel micro e dopo unire il burro freddo, girare un pochino e voilà la glassa è pronta.
Noi abbiamo messo la glassa nella fossetta che avevamo lasciato, ma potete tranquillamente inzupparli.
Lasciare asciugare e resistere alla tentazione di azzannarli.
Ottimi dopo un pasto, per la merenda del pomeriggio e anche per la colazione, slurp!


Visto che avevamo preparato 3 tipologie diverse di biscotti (che posteremo presto) non sono spariti in un nanosecondo, ma sono durati ben 5 giorni! Chiusi in scatola di latta erano ancora perfetti.









Nessun commento:

Posta un commento