Multi Tabbed Widget

Overblog

domenica 30 ottobre 2011

Leggero, ma profumato? Semplice, ma completo? Involtini ripieni di zucca al profumo di mugo

Ci sono sere il cui il miglior amico è il pc, ci sono giornate in cui l'unica conclusione possibile è l'atarassia più totale.
Vi è mai capitato? Confessatelo anche a voi succede.
Quelle serate in cui siete fortemente indecisi fra grandi dilemmi esistenziali: speranza di qualche riserva di giornate maggiormente produttive in freezer, pizza ponyexpress, fino alla peggiore delle ipotesi, lasciarsi andare all'inedia più totale e optare per l'astinenza da cena... Millantando qualche pseudo scusa salutista.
(Beh dobbiamo ammettere che non siamo mai arrivati all'ultimo stadio, la fame atavica ce lo impedisce ^_^)
Proprio quando state per lasciarvi andare vi ricordate che l'ultimo sprazzo di energie lo avevate investito per andare dal macellaio-gioielliere...

Il macellaio-gioielliere è quello figo, quello che ha tutti i migliori pezzi di carne, quello che ti avvolge le fettine ad una ad una con amore, quello a cui puoi chiedere qualsiasi cosa e lui è pronto, operativo e con la mannaia in mano e il batticarne fra i denti manco Chuck Norris!

[pausadicazzeggioinunpostfancazzistapiùdelsolito - noo noo meraviglia, per inserire il link su Chuck abbiamo riaperto welovechcknorris.com e abbiamo trovato questa e non potevamo non regalarvela:
Assaggiando la scatola di tonno e fagioli che gli ha servito a pranzo Chuck Norris, Gordon Ramsey ha dichiarato "Non ho mai assaggiato nulla di più buono". (spedita da skhammy) 
- finepausadicazzeggioinunpostfancazzistapiùdelsolito ]

Lì, dal macellaio-gioielliere, voi arrivate sfatti dopo una giornata di lavoro e sbattimenti vari e chissà perché tutti intorno vi sembrano lindi, pinti, truccati e strafighi (la figaggine è ovviamente inversamente proporzionale alla vostra cozzaggine, ovvio!).
Lì, nell'empireo della carne di qualità, tutti vanno via con fantastici pacchettoni, zucchine ripiene, melanzane traboccanti (che i veri fighi comprano già pronto e spacciano per loro, mica scemi), polli sventrati al momento e fiorentine di tirannosauro.
Voi, per rispettare il vostro aspetto, il vostro umore e il vostro portafogli da Calimero (usiamo il voi perché suona bene, ma siamo sempre noi i soggetti...non sentitevi broccolosi e sfigati!), vi lanciate nel massimo che potete, delle fettine di vitello e mentre ordinate rabbrividite in un misto di paura e piacere...Non perché siate dei fanatici del bondage, ma semplicemente perché da una parte temete il conto e dall'altra pregustate il piacere della cena.

E ve le stavate pure per dimenticare? E no! Giammai, quelle fettine vanno cotte hic et nuc.
Uno sguardo al frigo...Nel vuoto cosmico fa bella mostra di se l'avanzo di una zucca bio, perfetto! Il porro non manca mai, beh possiamo farci bastare gli ingredienti.
La ricetta è tutta a occhio, eravamo troppo stanchi per fermarci a pesare tutto, ci perdonate? Tanto lo sappiamo che siete tutti bravissimi ^_^
Ingredienti
fettine di vitello,
zucca,
olio evo,
sale,
pepe,
grappa trentina al mugo (in mancanza una grappa semplice, ma sarà meno profumato il risultato) 
rosmarino
Dopo le pulizie d'ordinanza (sbucciare e togliere i semi) tagliate la zucca a fette di circa 4mm. A questo punto potete metterle in una coppa e condirle con olio, sale, pepe, rosmarino tritato e infornate (in forno preriscaldato a 180gradi) per circa 15/20 minuti.
Intanto preparate il porro a fettine sottili.
Una volta pronta la zucca potete preparare gli involtini. Assaggiate le vostre belle fettine arancioni e se sono troppo dolci aggiungete un altro pizzichino si sale.

Fate un soffrittino di porro, aggiungete gli involtini e sfumate con la grappa di mugo.
Potreste anche sfumare con una grappa semplice, ma quella di mugo lascia un leggero profumo di bosco che in queste serate autunnali è perfetto.
Lasciate andare per una decina di minuti.

Questi involtini hanno un sapore delicato, ma profumato, merito del rosmarino, del mugo e del nostro grande amore, il porro.
Se avete voglia di riproporli, ma sapete già che i vostri commensali amano i sapori intensi allora la zucca la potreste cuocere in padella direttamente con il soffrittino di porro e il ripieno sarà più intenso. A quel punto cuocere l'involtino nella stessa padella, per il sapore e per la pigrizia che nasconderete sotto la veste politicamente corretta del risparmio energetico ;)
A noi questa ricetta è piaciuta molto, speriamo che anche il nostro superesperto di grappe la approvi!

Con questa ricetta partecipiamo a Un po' di zucca di farinalievitoefantasia
Ricette per Hallowen di nonnapapera
Funghetto o scherzetto? di ilgiardinodegliaromi

E anche a E tu? di che peccato sei? di nellacucinadiely.
A quale peccato? Beh ovvio, accidia! Non ve ne eravate accorti? ^_^
Ehh non è colpa nostra, la zucca fa furore nei contest ^_^

Perciò partecipiamoo anche a  A cena con Julie e Marek di mentapiperita


12 commenti:

  1. Piacerà a tutti sicuramente, è buona semplice, praticamente "rustica" penso che avete sfruttato molto bene la zucca, Esaltandone in pieno la sua dolcezza, pochi ingredienti, anche perché il frigo essendo in sofferenza non vi ha potuto offrirvi altro, quindi quelli usati vi hanno offerto un originale sapore... mi piace anche e ne sono certo il profumino rilasciato dalla grappa...Che avrà avvolto gli involtini... La conosco con quel rametto dentro la bottiglia...Grazie per il riferimento e da non esperto approvo comunque!!! Ciao.

    RispondiElimina
  2. in questo foodmondo dove tutti si pavoneggiano tu fai il modesto, ma noi lo sappiamo che sei un esperto di grappe :))
    visto che era il nostro primo esperimento ci tenevamo a sapere che ne pensavi, pfiuu abbiamo superato la prova
    graziee ^__^

    RispondiElimina
  3. finalmente una ricetta di carne e zucca.. mi ci voleva nella raccolta, la acchiappo subito, grazie!!
    se ne avete altre.. ^__^
    Paola

    RispondiElimina
  4. Il vostro blog è carinissimo!

    RispondiElimina
  5. Ohhhhh bellissima ricetta, originale!!!!
    Grazie per aver partecipato alla nostra raccolta
    Funghetto o Scherzetto??? .
    baciussssss

    RispondiElimina
  6. buoniiiii... tutti per Chiara questi XDXDXD

    RispondiElimina
  7. Da FIGLIA di MACELLAIO-GIOIELLERE (che nel mio caso fa pure consegna a domicilio gratis e con pacchettino omaggio a sorpresa sempre allegato... eh eh eh...) non posso che applaudire a questo post! :))))
    E a parte l'umorismo, la ricettina promette davvero bene, il profumino del pino mugo abbinato alla zucca deve essere spettacolare... e adesso dove me lo procuro? Quello il babbo mica ce l'ha, mannaggia.... ;)
    Linda

    RispondiElimina
  8. @lady:bene! siamo contenti di aver dato un apporto nuovo alla tua raccolta ^_^
    @tiz: grazie mille!
    @ale: grazie anche a te, speriamo di riuscire a prepararne anche una con i funghi
    @ricettosando: feloici che ti piacciano :)) daidai uno lascialo a noi ;)
    @isaporidiromagna: ma dai! tu hai la fortuna di avere un macellaio-gioielliere per papà, miii che scialo! il pacchettino omaggio a sorpresa è una vera chiccheria *.* la grappa di mugo l'abbiamo ricevuta dagli amici (ehehe), ma la marca è fedrizzi, forse la trovi on line. facci sapere

    RispondiElimina
  9. cavolo, la grappa di mugo proprio non la conoscevo, c'è sempre qualcosa da imparare da voi ragazzi! un bacione e grazie per aver partecipato al contest! ^_^ Ale

    RispondiElimina
  10. direi che questa ricetta fà al caso mio! poco sforzo e successo assicurato! grazie mille per aver partecipato! baci Ely

    RispondiElimina
  11. Direi che è una ricettina veramente appetitosa......da copiare......bacini la stefy

    RispondiElimina